servizi scientifici

Studi e ricerche

Le ricche raccolte archeologiche e artistiche del MANN, esposte nelle sale o custodite nei depositi, sono andate formandosi nel corso di più di due secoli sia grazie agli scavi condotti sul territorio, sia grazie all’acquisizione di più o meno importanti collezioni private, sia, infine, grazie ai tanti acquisti o doni di singoli oggetti. Questo immenso patrimonio, sottoposto a tutela e monitoraggio costante, costituisce la base per gli allestimenti permanenti e temporanei del Museo, è condiviso con gli altri istituti italiani ed esteri grazie al sistema dei prestiti ma è anche una fonte continua di nuovi studi e ricerche. Il MANN promuove infatti la ricerca, la catalogazione, la conservazione, il restauro, l’ordinamento, l’esposizione, lo studio del patrimonio conservato, materiale e immateriale. Per il perseguimento di tali finalità istituzionali e al fine di promuovere una ricerca scientifica coordinata e compatibile con i filoni di ricerca promossi e sviluppati dal Museo, il direttore e i suoi curatori sottopongono a valutazione di fattibilità e a formale autorizzazione tutti i progetti di studio o ricerca, compresi quelli finalizzati al conseguimento di titoli universitari e post universitari, che richiedano lo studio di beni di interesse archeologico e storico-artistico rientranti nel patrimonio del Museo. Le autorizzazioni allo studio sono disciplinate secondo quanto stabilito dal Regolamento vigente. All’atto dell’autorizzazione sarà indicato un funzionario referente, che seguirà il procedimento e coordinerà e supervisionerà tutte le fasi del lavoro, offrendo la necessaria consulenza scientifica e assistenza sia in sede che per corrispondenza.

Responsabile
Archeologi:
Laura Forte
Marialucia Giacco Floriana Miele
Emanuela Santaniello Giovanni Vastano
Storico dell’arte:
Andrea Milanese


Consulta il Regolamento per le autorizzazioni allo studio dei beni di interesse archeologico, storico o artistico

vai al Regolamento
Modulistica
scarica il modulo di registrazione

modulo PDF
modulo WORD

scarica la dichiarazione liberatoria

modulo PDF
modulo WORD
Contatti
man-na@beniculturali.it

Catalogo

L’Ufficio Catalogo si occupa della inventariazione, catalogazione e documentazione dei beni archeologici mobili appartenenti al patrimonio dell’Istituto, in conformità con le metodologie e gli standard stabiliti dall’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione. Oltre alla tenuta del registri di inventario generale, cartacei e informatizzati, relativi al patrimonio archeologico mobile del MANN, l’Ufficio conserva un consistente archivio di ca. 50.000 schede di catalogo cartacee e oltre 55.000 schede informatizzate, relative a oggetti archeologici mobili, monete e gemme, epigrafi, matrici incise sette ottocentesche, stampe, disegni e fotografie d’epoca, unitamente ad altre schede di complessi, monumenti e siti archeologici, cartacee e informatizzate, inserite nei sistemi informativi del Centro Regionale di catalogo dei Beni Culturali della Campania (CRBC) e dal 2014 nel sistema informativo di catalogo nazionale SIGEC WEB dell’ICCD.

L’Ufficio Catalogo fornisce tutoraggio e supporto a studenti delle Università convenzionate con il museo, assiste il personale interno e studiosi esterni, nella consultazione degli archivi catalografici e degli inventari, e svolge attività di consulenza scientifica a vantaggio di ricercatori italiani e stranieri per lo studio dei beni compresi nel patrimonio archeologico del museo e non solo.

Responsabile
Floriana Miele

Consulta il Regolamento di accesso all'archivio catalogo
vai al Regolamento
Modulistica
scarica il modulo per permesso studio

modulo PDF
modulo WORD

Contatti
man-na@beniculturali.it

Ufficio museologia e documentazione storica

L’ufficio ha il compito di valorizzare la storia del Museo e di studiare e catalogare l’ampio patrimonio ad essa connesso (archivio storico, archivio disegni, arredi storici e oggetti d’arte moderna).

Archivio Storico Conserva le carte relative alla vita del Real Museo di Napoli e Soprintendenza alle Antichità del Regno, una delle istituzioni museali e di tutela più antiche d’Europa poi più volte trasformatasi – nel titolo come nel raggio di competenze – prendendo il nome di Real Museo Borbonico (1816), Museo Nazionale (1860), infine Museo Archeologico Nazionale (1957). I documenti vanno prevalentemente dalla metà del ‘700 al 1920 ca. e riguardano tutti gli ambiti di attività dell’istituto: dalla cura e l’allestimento delle raccolte museali – compresa la Pinacoteca, separatasi solo nel 1957 – al controllo del mercato artistico e delle esportazioni, fino agli importanti scavi condotti in molte località della Campania e dell’Italia meridionale (a cominciare dai celebri siti di Pompei, Ercolano e Stabia). L’archivio, interamente catalogato in una banca dati informatica, è oggi costituito da 12.500 fascicoli, ai quali sono allegati ca. 600 disegni e 800 fotografie. A questi fondi vanno aggiunti i ca. 180 volumi manoscritti degli antichi inventari del Museo Borbonico.

Archivio Disegni L’Archivio Disegni – attualmente in corso di riordino e di catalogazione – conserva nel suo fondo storico ca. 2000 tra acquerelli, matite, tempere e altri elaborati grafici relativi alla storia dell’edificio e al patrimonio in esso conservato oltre che a differenti aree di scavo.

Lo staff dell’Ufficio Museologia e Documentazione storica si occupa dello studio e della catalogazione del patrimonio ad esso affidato; fornisce tutoraggio e supporto a studenti delle Università convenzionate con il museo; assiste il personale interno e studiosi esterni nella consultazione degli archivi e degli inventari antichi; offre consulenza e assistenza, anche per corrispondenza, a studiosi nazionali e internazionali; fa ricerca finalizzata a progetti scientifici di varia natura, tra cui mostre, riesposizioni e restauri.

Responsabile
Andrea Milanese

Modulistica
scarica il modulo per la cconsultazione

modulo PDF
modulo WORD


Giorni di consultazione previa richiesta: lunedì, martedì e giovedì dalle 9.30 alle 14.00




Scopri di più sull'Archivio Storico del Museo

vai al video
Contatti
man-na@beniculturali.it

Archivio e laboratorio fotografico

L’Archivio fotografico custodisce un ricchissimo patrimonio di negativi e positivi, relativi sia alle collezioni e agli ambienti del Museo sia alle aree archeologiche della Campania un tempo collegate al Museo. Costituisce dunque una fonte essenziale per ricostruire gli aspetti storici del Museo e del territorio oltre che per documentare l’evoluzione della fotografia dagli ultimi decenni del XIX secolo. Tra i fondi di particolare pregio si segnalano i circa 15.000 negativi su lastra, risalenti per lo più alla prima metà del ‘900, che testimoniano un’intensa attività interna al museo stesso, e la raccolta di circa 2.000 positivi realizzati da celebri fotografi italiani e stranieri, tra cui Alinari, Anderson, Brogi, Sommer, Mauri, Lembo. Lo staff dell’Ufficio e Archivio fotografico provvede all'archiviazione e catalogazione dei materiali fotografici e alla ricognizione periodica del loro stato di conservazione; segue campagne di digitalizzazione progressiva dei materiali storici; presta consulenza scientifica e assistenza, sia in sede che per corrispondenza, agli studiosi nazionali e internazionali, effettua ricerche finalizzate a progetti interni quali mostre, allestimenti e restauri e produce, su richiesta, immagini relative alle opere del Museo per studiosi, ricerche e mostre in tutto il mondo. Si occupa inoltre delle pratiche di concessione delle immagini e delle riprese video secondo quanto stabilito dalla normativa vigente e dal Regolamento del MANN.

Responsabile
Laura Forte

Consulta il Regolamento per la riproduzione
delle immagini

vai al Regolamento
Modulistica
scarica il modulo per la consultazione

modulo PDF
modulo WORD

Scarica il modulo
per l'uso / riproduzione
delle immagini/riprese video

modulo Immagini PDF
modulo Immagini WORD
modulo Video PDF
modulo Video WORD
Contatti
man-na@beniculturali.it

Biblioteca

La Biblioteca è specializzata nell’archeologia classica e in altre discipline connesse con lo studio delle civiltà antiche e documenta cospicuamente le attività di tutela, valorizzazione, ricerca ed espositive del Museo e della Soprintendenza fino al 2015, data dell'istituzione dell'autonomia speciale del MANN. Il suo patrimonio, che si incrementa per effetto di acquisti, scambi e donazioni, è costituito da oltre 40.000 volumi, di cui circa 5.000 editi tra il ‘500 e l’800 e da 643 periodici, di cui 74 correnti. La Biblioteca dispone di materiale grafico e di una piccola sezione di risorse elettroniche; ha avviato la digitalizzazione dei volumi unici o rari. Fondi speciali della Biblioteca del museo sono: la biblioteca del Medagliere (costituita da circa 2.000 pubblicazioni di numismatica, consultabili su prenotazione) il fondo Olga Elia e il fondo Zancani Montuoro (costituito da circa 3.000 pubblicazioni). Nel 2006 è entrata a far parte del Servizio Bibliotecario Nazionale; ha immediata visibilità nei cataloghi online (OPAC) dell’Indice SBN e in un OPAC personalizzato.

Lo staff della Biblioteca inventaria e cataloga il patrimonio documentario; acquista e scambia pubblicazioni; conserva e restaura il patrimonio bibliografico, provvedendo anche alla sua digitalizzazione; cura l’arredo storico e mantiene intatto il suo aspetto ottocentesco; gestisce il servizio di consultazione in sede.

Responsabile
Andrea Milanese


Apertura al pubblico lunedì, martedì e giovedì dalle 9.30 alle 15.00

Contatti
man-na@beniculturali.it

Servizio prestiti

Il Servizio si occupa dell’espletamento delle richieste di prestito di opere del MANN, che provengono da istituzioni pubbliche e private, sia italiane che straniere, per la realizzazione di mostre temporanee. Le richieste sono valutate dal servizio prestiti sulla base del progetto scientifico, della documentazione tecnica relativa ai luoghi e alle condizioni di esposizione e ai sistemi di sicurezza (Facility Report). I prestiti sono vincolati alla garanzia del rientro in Italia al termine della mostra e alla stipula di polizze assicurative. Il servizio opera in stretta collaborazione con il laboratorio di restauro del museo, che si occupa della verifica delle condizioni dei materiali richiesti e li prepara operando il restauro in uscita dei reperti. Il personale del museo preleva e prepara i materiali dai luoghi di esposizione o più spesso dai depositi e assiste alle operazioni di imballaggio e collocazione delle opere in sede di mostra. L’imballaggio e il trasporto delle opere sono poi affidati a ditte specializzate nel settore di comprovata e documentata esperienza. Può essere previsto il pagamento di un canone in funzione del numero delle opere, della loro importanza e della durata del prestito, sulla base di specifici accordi sottoscritti tra il museo e l’ente richiedente.

Responsabile
Marialucia Giacco

Contatti
man-na@beniculturali.it

Laboratorio di Conservazione e Restauro funzioni

Il Laboratorio di Conservazione e Restauro si articola in cinque differenti Sezioni: Dipinti Murali e Mosaici; Materiali lapidei; Ceramica, Vetri, Organici; Metalli; Documentazione Mostre. Il personale del laboratorio provvede alla conservazione e al restauro dei materiali archeologici del Museo che afferiscono ai diversi settori di competenza, in funzione delle necessità e delle iniziative interne all'Istituto e delle mostre in Italia e all'estero. A questo scopo lavora in stretta collaborazione con i curatori dell'Ufficio Scientifico e del Servizio prestiti. Attraverso apposite convenzioni fornisce tutoraggio e supporto logistico a studenti italiani e stranieri autorizzati dalla direzione del Museo a frequentare le diverse Sezioni. Segue, per quanto attiene alle tecniche e alla metodologia, le attività di tirocinio e i restauri finalizzati allo svolgimento di tesi di laurea. Collabora con Università e Istituti di ricerca italiani e stranieri a progetti finalizzati allo studio, alla tutela, alla valorizzazione e al restauro del patrimonio archeologico del Museo. Esegue ricerche documentate, redazione di schede conservative, sopralluoghi ed accertamenti tecnici finalizzati alla pianificazione degli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e di restauro.

Responsabile
Mariateresa Operetto

Contatti
man-na@beniculturali.it

Servizi educativi, promozione, ricerca e valorizzazione

L’Ufficio Servizi Educativi del Museo propone attività di promozione e divulgazione con cicli di conferenze, percorsi e attività didattiche per bambini e famiglie, accompagnati da pubblicazioni ad hoc. Progetta e realizza, allo scopo di valorizzare i legami con la comunità e il territorio, percorsi didattici e itinerari per “pubblici speciali” (minori a rischio di esclusione sociale, migranti, anziani persone con disabilità), con proprie risorse e in collaborazione con enti pubblici e associazioni. Gestisce la pagina “Contatti” del sito web del Museo e cura i rapporti con il pubblico, presente e remoto del MANN, rispondendo a tutte le richieste dei visitatori, informazioni generali prima della visita, così come suggerimenti e reclami che scaturiscano dalla visita stessa, svolgendo funzioni di URP e redigendo la Carta della Qualità dei Servizi. Coordina la stipula di convenzioni con Università italiane e straniere con riferimento ai tirocini e i progetti di Alternanza Scuola Lavoro.

Responsabile
Lucia Emilio

Contatti per info
man-na.comunicazione@beniculturali.it
Contatti per proposte
man-na@beniculturali.it

Tirocini universitari e alternanza scuola lavoro

Il MANN stipula convenzioni con Università italiane e straniere per Stage curriculari e tirocini
Erasmus+

L’Ufficio Servizi Educativi del Museo, che coordina le attività, si occupa di fornire il necessario orientamento agli studenti, allo scopo di far convergere aspirazioni e competenze degli stessi con la disponibilità del Soggetto Ospitante, presentando la domanda presso uno degli Uffici in lista:
Ufficio Tecnico — Catalogo — Ufficio Conservatori — Archivio Storico — Archivio fotografico — Biblioteca — Servizi Educativi — Laboratorio di Restauro

Offre consulenza per progetti di Alternanza Scuola /Lavoro alle scuole secondarie che ne fanno richiesta.

Referente
Lucia Emilio

Contatti
man-na.comunicazione@beniculturali.it
tel. 0814422328
Orari di ricevimento studenti e docenti previo appuntamento telefonico mercoledì e giovedì dalle 10.00 alle 13.00

Contatti
man-na@beniculturali.it

Pubblicazioni

L’attività scientifica del Museo si traduce in pubblicazioni relative alle collezioni, alle opere del Museo e alle mostre. Queste sono acquistabili presso la libreria del Museo e lo shop on-line, gestiti dal concessionario Electa-Mondadori, oltre che in tutte le librerie e presso tutti i canali di vendita on-line.

Il MANN pubblica, nell’ambito di collane tematiche, alcuni prodotti editoriali gratuiti scaricabili gratuitamente in formato pdf.

Il Museo promuove infine l’editoria dedicata ai bambini e ragazzi. Taluni prodotti sono pubblicati in forma gratuita, altri editi e in vendita.

Al seguente link tutte le pubblicazioni relative al MANN.